adesso ti trovi in : Home > Curia > Settori della Vita Pastorale – Uffici > Pastorale della Salute

Pastorale della Salute

Consulta Diocesana Pastorale Della Salute

Il giorno 3 luglio 2018 presso la Curia di Teramo su richiesta di S. Ecc. mons. Lorenzo Leuzzi viene costituita la Consulta per l’Ufficio per la Pastorale della Salute (d’ora in poi abbreviato in UPS) della diocesi di Teramo – Atri.

La pastorale della salute, nella Nota della Consulta Nazionale CEI: “La pastorale della salute nella Chiesa italiana” (1989), è descritta come “la presenza e l’azione della Chiesa per recare la luce e la grazia del Signore a coloro che soffrono e a quanti se ne prendono cura. Non viene rivolta solo ai malati, ma anche ai sani, ispirando una cultura più sensibile alla sofferenza, all’emarginazione e ai valori della vita e della salute” (n. 19).

Fondamento della pastorale della salute è l’insegnamento evangelico che Gesù ha sviluppato nel suo ministero pubblico intersecando due atteggiamenti: la cura delle anime con la predicazione, la cura dei corpi con le guarigioni. E i dati biblici mostrano che guarigioni costituirono una parte fondamentale dell’apostolato di Cristo.

La pastorale della salute è dunque la risposta evangelizzante che la Chiesa, sacramento di salvezza, offre a chi è malato o disabile e a coloro che, in vari modi, se ne prendono cura.

Per raggiungere questi obiettivi sono insufficienti i documenti del Magistero, la buona volontà di pochi “addetti ai lavori” (cappellani, religiosi/e, operatori pastorali…), i centri accademici di formazione…; è urgente che l’impegno sia assunto come incombenza da tutta la comunità cristiana nella varietà dei suoi membri. Ogni battezzato deve percepire ad attuare il comando di Gesù: “Annunciate il regno di Dio, curate gli infermi” (Lc. 9, 2), essendo un “soggetto primario” della pastorale della sanità in tutte le sue diramazioni.

Da qui nasce l’impegno della costituenda Consulta Diocesana.

Fanno parte di essa vari Organismi (cattolici e laici) della diocesi come: AMCI (Associazione Medici Cattolici Italiani); UNITALSI; AVULS; POC; ANFAS; P.O. TERAMO; RSA; CARITAS; CONFR. MISERICORDIA; MADRE ESTER; SUORE PICCOLA CASA; ASSOCIAZIONE ABBRACCIO PREMATURI; della Croce Rossa Italiana; dell’ordine dei Medici; l’ordine degli infermieri; l’ordine dei farmacisti.

Questi Organismi sono autonomi, dotati di un proprio statuto e responsabile e sono sotto la responsabilità diretta dell’Ordinario diocesano.

 

QUALI SONO COMPITI AFFIDATI ALL’U.P.S.?

  1. Pastorale ospedaliera

Coordinamento e promozione della Pastorale Ospedaliera che consiste in:

Istituzione delle Cappellanie Ospedaliere, rese obbligatorie dal Vescovo poiché inserite come norma nel regolamento diocesano

Le cappellanie riconosciute ed istituonalizzate sono: le cappellanie dei Presidi ospedalieri civili di Teramo, Giulianova, Atri, S. Omero; Casa di riposo privata De Benedicts; RSA; POC.

 

  1. Pastorale della Salute sul territorio diocesano:

È il lavoro con progetti pastorali degli ultimi anni: monitoraggio dell’esistente sul territorio diocesano, corsi presso parrocchie e Uffici Pastorali per la formazione degli operatori pastorali sul territorio (uno di questi è il progetto pastorale: “Chiesa in uscita verso i malati della diocesi”); preparazione Convegno diocesano legato al tema della Giornata Mondiale del Malato e a temi di attualità (convegno del dieci febbraio 2018 in occasione della XXVI giornata mondiale del Malato 11 febbraio).

  1. Formazione in ambiti diversi:
  • Corso di Pastorale della Salute per Seminaristi diocesani, seguito da un tirocinio con l’ausilio di operatori nelle varie strutture sanitarie.
  • Corso di formazione e preparazione, in collaborazione con l’Ufficio Liturgico e la Caritas Diocesana, dei Ministri straordinari della Comunione Eucaristica;
  • Corso di formazione e preparazione per l’accompagnamento spirituale del malato ricoverato e terminale per gli operatori sanitari: Volontari diocesani, Ministri straordinari della Comunione Eucaristica su incarico dell’assistente religioso di una struttura residenziale (pubblica o privata – Ospedale/RSA/casa di riposo) e per i sacerdoti interessati;

 

  • L’UPS, aiutati da esperti segue tutti gli aspetti giuridici ed amministrativi che riguardano l’assistenza religiosa nelle strutture sanitarie pubbliche e private.
  • L’UPS partecipa al Convegno nazionale del corrispondente Ufficio CEI.
  • L’ UPS ha le seguenti prospettive di lavoro in sintonia con le direttive del Vescovo della diocesi di Teramo-Atri
  • Animazione del Territorio con attenzione agli Istituti Scolastici e Universitari

Nell’ambito della CONSULTA appena costituita s’impegnerà a:

 

  1. Promuovere incontri e corsi di formazione nell’ambito dei diversi organismi per la conoscenza della nuova Carta per gli Operatori Sanitari;
  2. Approfondire i tre momenti fondamentali della vita umana: generare, vivere e morire;
  3. Organizzare un convegno diocesano sul tema “Invecchiamento della Popolazione” in occasione della Giornata Mondiale del Malato;
  4. Sensibilizzare il mondo della cultura, della politica e dell’università sulla riflessione della vita nelle sue varie fasi e sulla necessità di recuperare delle relazioni di fiducia tra le varie figure professionali della società civile e religiosa.
  5. Valorizzerà la riflessione e l’esperienza già maturata dai vari organismi presenti sui temi dell’invecchiamento e dell’accompagnamento al malato e ai suoi famigliari, come già emerso dal titolo del convegno dell’10 febbraio scorso: “curare sempre, guarire se possibile” , con il quale il Vescovo di Teramo – Atri ha inaugurato i lavori che si sono aperti presso l’aula convegni nel Presidio ospedaliero di Teramo in occasione della XXVI giornata mondiale del malato – 11 febbraio 2018.

 

Con deferente ossequio don Sergio Mucci

direttore UPS della diocesi di Teramo Atri.

News